vita spirituale

image_pdfimage_print

CHI E ‘SANT’AGOSTINO?
Agostino nacque a Tagaste 354 in, una città della Numidia (l’attuale Algeria). Noi pensiamo che era berbera. Questa parte dell’Africa apparteneva all’Impero Romano ed è stato uno dei più ricchi province romane. Padre Agostino, Patrizio, possedeva la cittadinanza romana, era proprietario di un modesto appartenente alla classe degli assessori che hanno aiutato l’impero romano a governare la provincia. Patrizio era pagano, si convertì alla fine della sua vita attraverso l’influenza di sua moglie, santa Monica, madre di Agostino. Monica, madre di sant’Agostino, era cristiano. Ha dato Agostino le prime basi di un’educazione cristiana. Ha dato Agostino le prime basi di un’educazione cristiana, ma non ha ricevuto il battesimo.

A caro prezzo, i genitori di Agostino fatti gli danno una formazione che ha promesso il successo nella società romana del suo tempo. Il giovane Agostino ha ricevuto la sua istruzione primaria, secondaria e successivamente sopra Tagaste a Madaura poi a Cartagine. Sono anni turbolenti di studio e frivola come spiegato da Agostino stesso nelle sue Confessioni:
Augustin bande frequenti giovani disoccupati.
A 18 anni, prende una moglie e un figlio Adeodato.
Nonostante le suppliche di sua madre Monica, che non vuole sentir parlare di religione.
Ha frequentato la setta di manichea, credendo trovare casa, verità e di pace dell’anima.

Agostino sognava una brillante e ricca carriera. Andò a Roma, al fine di accedere agli onori più alti. Ottenne la cattedra di retorica a Milano, a scrivere i discorsi dell’imperatore. La madre Monica, vedova, lo raggiunge, lo spinge a ripudiare la propria moglie per fare un buon matrimonio. Ma Agostino è stato torturato dalla preoccupazione per la sua conversione. Ha ottenuto la grazia attraverso un concorso influenze:
Preghiere e lacrime Monica.
L’influenza di S. Ambrogio, vescovo di Milano.
La narrazione di altre conversioni.
L’incontro del sacerdote Simpliciano.
Leggendo le Epistole di Sain

Agostino ha voluto per convertire, ma non aveva il coraggio di rinunciare alla sua vita di piacere, il cambiamento di comportamento per la vita cristiana. Un giorno, mentre pregava nel suo giardino, udì una voce che diceva: “Prendete e leggere e leggere Prendere Prendere e leggere”. Agostino, colpito da questa voce sconosciuta, ha aperto le Epistole di St. Paul, e leggere il seguente passaggio: “Negli festa o ubriachezza, dissolutezza o più di fornicazione, più liti o rivalità mettere sul Signore Gesù Cristo. non cedere alla concupiscenza della carne “(Confessioni VIII, 12). Sconfitto dalla grazia, Agostino ha deciso di fare il passo. Dopo un ritiro compagnia dei suoi amici, il figlio e la madre, fu battezzato a Pasqua 387 a Milano. Si ritirò in solitudine con loro Cassiciaco nei pressi di Milano, in attesa di tornare al suo paese, in Africa. reddito Tagaste dopo la morte di Monique ad Ostia nel 387, Agostino crea una comunità monastica dedicata allo studio e alla meditazione, con il modello della prima comunità cristiana. (At 1,5). Nonostante lui e la volontà del popolo, Agostino fu ordinato sacerdote nel 391 e sacro nel 396 per sostituire il vescovo Valerio, vescovo di Ippona. Augustin Evêque predicato un sacco, ha anche scritto in difesa della unità della Chiesa e la purezza della fede. Agostino è il più noto e più famosi santi africani, è morto il 28 agosto 430. I contemporanei amavano dire che Agostino “è il più saggio di tutti i Santi e più sacro di tutti i saggi” .

Come mai la scelta di Sant’Agostino?
Sappiamo che, soprattutto dopo la seconda guerra mondiale, e in modo particolare, sin dagli anni ’60, l’Africa è alla ricerca della sua identità. Questo è un evento importante nella storia di questo continente e del mondo. La Chiesa non è indifferente a questo movimento e potrebbe essere, perché era anche la sua storia. Il desiderio di root su suolo africano che ha animato le Suore del nuovo Istituto, li ha ispirati a mettersi sotto la speciale protezione di un grande Santo africano, grande teologo del 4 ° secolo, religioso, sacerdote, vescovo di Ippona, fondatore ordini religiosi, medico e padre della Chiesa che hanno combattuto così duramente per l’ortodossia della fede cattolica; uno che è ancora rilevante e che Paolo VI non ha esitato a dire che egli è “uno dei più brillanti luci della cristianità”. Colui che dopo il suo soggiorno a Milano, è stato in grado di riprendere con coraggio e orgoglio la strada alla sua terra natale per coltivare la vita religiosa: Sant’Agostino.

Inoltre, il nostro Santo Patrono, giustamente chiamata “Dottore della Carità”, spesso ha ricordato che la carità è la pienezza della fede. “Prima di tutto, dal momento che siete uniti in comunità, vivono una perfetta armonia in casa” (Sal. 67: 7). Hanno un cuore solo e un’anima sola allungato verso Dio (cfr At 4,32). Augustin costruire la spiritualità delle sue comunità sulla carità, la concordia e l’unità. E Agostino, l’armonia è la manifestazione concreta della carità, il suo frutto più prezioso. È per questo che invece il fondamento della vita religiosa. Le esortazioni urgenti del vescovo africano per l’unità eco la Parola di Gesù che ci affascina: “Che siano una cosa sola perché il mondo creda …”. Anche in questo caso, Agostino ispira il nostro motto: “Unire nella carità.” Il carisma e la spiritualità del nostro Istituto verranno sviluppati nelle pagine che seguono.

Di SANT’AGOSTINO, Papa GIOVANNI PAOLO II ha detto:
Anch’io ho aggiunto la mia voce a quella dei miei predecessori, che esprime il forte desiderio che “la dottrina filosofica, teologica, spirituale siano studiata e diffusa, così continua … il suo insegnamento nel magistero della Chiesa , avuto ho aggiunto, umile e luce in un momento, in cui si parla soprattutto di Cristo e l’amore. ” Ho anche avuto l’opportunità di raccomandare soprattutto i figli spirituali del grande santo di “mantenere vivo e attraente il fascino di Sant’Agostino nella società moderna”, meravigliosa e stimolante ideale, perché “la conoscenza precisa e amorevole della sua vita suscita sete di Dio, il fascino di Cristo, l’amore della sapienza e della verità, il bisogno della grazia, della preghiera, della virtù, la carità fraterna, l’anelito alla felicità eterna “.

Categories: Anagni - Alatri,Cultura,Diocesi

Grandezza Font
Contrasto