LA NOSTRA DIPENDENZA DA DIO MISERICORDIOSO

image_pdfimage_print

Nessun Dio nessuna vita, conosci Dio e conosci la vita

La nostra dipendenza da Dio Misericordioso
L’infinita Misericordia di Dio

Introduzione

Gli esseri umani sono esseri sociali e sono sempre impegnati con la loro vita. Siamo tutti molto impegnati con i nostri impegni. Non abbiamo tempo di viaggiare interiormente. Nella nostra vita quotidiana il fattore più importante è dipendere da Dio che è il nostro Padre misericordioso. Ma l’uomo moderno e le famiglie nucleari non hanno tempo di mandare con Dio. È il Padre di tutti e tutti possiamo dipendere da Lui solo, cioè il mio Dio Padre. Anche Gesù ha invitato con il suo invito al suo discepolo e a tutti noi: – “Rimanete in me, poiché rimango anche in voi”.

Nessun ramo può dare frutti da solo; deve rimanere nella vite. Né puoi dare frutti se non rimani in me. “Sono la vite; tu sei i rami. Se rimani in me e io in te, porterai molti frutti; a parte me non puoi fare niente. ” (Giovanni 15: 4-5). Noi esseri umani abbiamo sempre bisogno di accogliere l’invito del Dio misericordioso.

Pertanto, ogni volta e qualunque cosa possiamo dire che ci sono alcune persone che sono i miei migliori amici, familiari, parenti ecc., Ma abbiamo tutti dei limiti. Possono soddisfarci con materiali e cose come regali nella nostra vita quotidiana. Ma c’è solo una persona che può concedere i miei desideri di cuore, la saggezza e la conoscenza non è altro che Dio.

È come il mio amico che posso parlare con lui perché credo che mi conoscesse quando ero nel grembo di mia madre. “Prima di formarti nel grembo materno, ti conoscevo e prima che tu nascessi, ti ho consacrato; Ti ho nominato profeta per le nazioni ”. (Ger 1: 5). Solo lui può soddisfare tutti i miei desideri e bisogni.

Il Padre misericordioso conosce tutti i problemi o le lotte che affrontiamo. L’unica soluzione è fidarsi di Dio. Ora la fiducia non significa presumere che Dio alla fine darà ciò che vuoi. No, la fiducia è credere che starai bene con qualunque cosa il Signore voglia. Poiché l’Eterno dà saggezza; dalla sua bocca derivano conoscenza e comprensione; (Pro 2: 6)

CAMMINANDO LONTANO DA DIO

Gli sciocchi dicono nei loro cuori: “Non c’è Dio”. Sono corrotti, compiono azioni abominevoli; non c’è nessuno che faccia del bene. (Sal 14: 1) Vorrei confrontare questa generazione attuale in quanto allontanando dal Signore alcuni degli incidenti in cui le persone non rispettavano il suo comandamento e non badavano alla sua presenza.

Il primo sarebbe: il popolo di Ninive nel libro di Giona per il cambiamento di cuore e il pentimento. “Giona iniziò a entrare in città un giorno di viaggio, e gridò, e disse:” Tra quaranta giorni, Ninive sarà rovesciata ” (Giona 3: 3-4).Ha camminato per tre giorni per attraversare la città da una parte all’altra, quindi la camminata di un giorno di Jonah non sarebbe stata all’altezza del centro città.

Il secondo sarebbe: “Stavano mangiando e bevendo, e si sposavano e venivano dati in matrimonio, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e venne il diluvio e li distrusse tutti.

Il terzo sarebbe: – Allo stesso modo, proprio come ai tempi di Lot: stavano mangiando e bevendo, comprando e vendendo, piantando e costruendo, ma il giorno in cui Lot lasciò Sodoma, piovve fuoco e zolfo dal cielo e distrusse tutti loro”. (Lc 17: 17-29).

COMUNICAZIONE

Quanto a me, il volo dell’uomo moderno da Dio è come quello del Figliol Prodigo (Lc 15) nel Nuovo Testamento. Il motivo che ho per questo pensiero è che più l’uomo è avanzato nella tecnologia e in molti altri campi si sta allontanando dal Signore e sta perdendo la fiducia in Dio e il rispetto per il bene. Più siamo comunicabili, più diventiamo occupati in questioni secolari per nulla interessate alle cose spirituali e a Dio. Non è più interessato a godere della presenza e cercare il Signore.

Ma questo talento e tutto ciò che abbiamo ottenuto da Dio, che abbiamo ottenuto per glorificare solo Dio. Il silenzio di Dio ha ritardato i piani di Dio. Il valore della sofferenza ha un valore inestimabile nel piano di Dio affinché tutto sia buono[1]. Le strutture di comunicazione sono disponibili in molti modi. Ma stiamo diventando egoisti e non abbiamo fiducia nel Signore. Inoltre, siamo interessati ad andare per cose mondane, il più delle volte seduti davanti ai media Facebook, Twitter, Tiktok, WhatsApp ecc.

Mentre stiamo godendo di tutti i tipi di comunicazioni nella nostra vita di oggi. Siamo come quello del figliol prodigo che non realizza o riconosce l’amore e la cura del Padre che ci benedice molte grazie e amore. Ma molti dei nostri problemi nel vivere per Gesù derivano dal problema alla radice che pensiamo di poterlo fare perché i campi della tecnologia e della comunicazione che siamo avanzati sentiamo di avere molta libertà.

Partiamo dal presupposto che abbiamo il potere. Quindi, abbiamo iniziato a provare a spingere il cammello attraverso l’occhio di un ago. E il nostro problema principale non è la fiducia nel Signore, ma la maggior parte delle volte diventiamo come quello del folle ricco del Nuovo Testamento “E dirò alla mia anima, Anima, che hai molti beni deposti per molti anni; rilassati, mangia, bevi, sii allegro. ” (Lc 12,19).

In questo pericoloso periodo di pandemia, Dio ricorda a tutti noi. “Ma Dio gli disse: ‘Stolto! Questa stessa notte ti viene richiesta la vita. E le cose che hai preparato, di chi saranno? ‘”(Lc 12,20). Dimentichiamo anche la certezza di Gesù a tutti noi “Io sono la vite; tu sei i rami. Coloro che dimorano in me e io in loro portano molti frutti, perché a parte me non puoi fare nulla. ” (15: 5).

DECISIONE DI TORNARE AL PADRE

Ogni volta che le persone di Israele peccavano contro il Signore e si rivolgevano a Lui con pentimento di cuore, non le respingeva mai, ma le dava e le accettava molto generosamente. Quando il popolo di Ninive credeva in Dio; proclamarono un digiuno e tutti, grandi e piccoli, si vestirono di sacco. Quando la notizia raggiunse il re di Ninive, si alzò dal suo trono, si tolse la vestaglia, si coprì di sacco e si sedette in cenere. “Dio ha visto le loro opere, che si sono allontanate dalla loro via malvagia.

Dio ha ceduto al disastro che ha detto che avrebbe fatto a loro, e non l’ha fatto. ” (Giona 3:10). La grande speranza del re si realizza. Dio cede. Lui cambia idea. Si allontana dalla sua rabbia feroce. Quando penso a questo punto, ciò che viene in mente al momento è tornare al Padre in questo periodo di grande virus corona pandemico, è un suggerimento di invito per l’intera umanità alla schiena al padre celeste.

Anche quando Gesù ha iniziato il suo ministero pubblico, le prime parole usate da Gesù non sono altro che il pentimento del cuore “Gesù che dice:“ Il tempo è compiuto e il regno di Dio si è avvicinato; pentirsi e credere nella buona notizia ” (Mc 1:15). E in questo periodo pandemico molti si pongono le domande: perché Dio è così? Per questa domanda posso sicuramente dire nella mia vita che ho visto quando il mondo intero è tornato a Dio che questo momento è il periodo Pandemico.

Perché ora molti di loro hanno capito che senza la divinità la misericordia non può avere alcuna soluzione per essere guarita da questa malattia[2]. Tutti coloro che cercano la risposta della pazienza trovano finalmente la risposta nel silenzio di Dio. La mia risposta a questa situazione di questi grandi guai per ciò di cui abbiamo bisogno è di ritornare al Padre misericordioso come quello del Figlio prodigo: la misericordia è pensata per essere ricevuta da Dio e data agli altri in modo illimitato.

La nostra relazione con Dio e l’accoglienza della sua misericordia deve diventare il fondamento della nostra vita. Ogni persona che Dio mette nella nostra vita sperimenterà la misericordia di Dio attraverso di noi in un modo che Dio sceglie. Mentre restiamo aperti a Lui, Egli ci userà per formare santi vincoli d’amore con tutti coloro che sono disposti a ricevere quell’amore.

IL PERDONO DI DIO 

Ma quando venne da solo, disse: “Quante mani di mio padre hanno il pane abbastanza e risparmiano, ma qui sto morendo di fame! (Lc 15:17). Nella maggior parte delle traduzioni della Bibbia questo 17 versetto è tradotto come “Finalmente tornando in sé, ha detto che è tornato in sé” quando ha avuto voglia di morire di fame fisica ed è insopportabile per lui sopravvivere senza cibo. Ha vissuto lontano dalla verità della sua esistenza[3].

Il sentimento del suo dispiacere / pentimento per il suo peccato / azione sbagliata è il risultato dell’introspezione dentro di sé nel 17v. era in grado di accettare la sua indegnità e pensava di aver perso il diritto di essere il figlio (eredità) suo padre, come quello della preghiera di Esdra (Ezra 9: 6, 15)[4].

“Quindi, è partito e è andato da suo padre. Ma mentre era ancora lontano, suo padre lo vide ed era pieno di compassione; corse e gli mise le braccia attorno e lo baciò”. (Lc 15:20). Camminò verso suo padre con sentimenti estremi (cuore pesante) di dispiacere ma prima di raggiungere la sua casa il padre compassionevole corse giù dalla cima della casa e lo abbracciò senza alcuna esitazione.

Qui dobbiamo riflettere sull’atto del Padre che quando il figliol prodigo stava tornando dopo un lungo intervallo di anni e nessuna delle persone del villaggio che lo circondava poteva riconoscerlo come figlio di quel ricco padre, ma solo suo padre lo riconosceva persino il suo aspetto esteriore è sfigurato come un mendicante in abiti trasandati.

È per dire che solo Dio può vedere il cambiamento interiore di una persona (Sal 33: 13-14, 1 re 29:17, 1 Sam 16: 7). Come diceva un uomo, “Sono sempre fiducioso di andare a Dio con i miei peccati, perché il perdono è un affare di Dio. Il compito di Dio è amarmi e perdonarmi”.

DECISIONE DI TORNARE AL PADRE CON PENITENZA

Qui dobbiamo riflettere sulla reazione di un genitore normale quando uno dei figli della famiglia è fuggito come questo figlio / figlia prodigo, alcuni genitori accetteranno il proprio figlio / a? Non credo che il loro atteggiamento o reazione andrà bene. Ma direbbero quanto hanno speso il loro tempo e denaro per scoprire dove si trovasse e cercare aiuto per i media, la polizia e così via. E avrebbero espresso tutta la loro rabbia a quella particolare persona o non gliene sarebbe importato o non avrebbero aperto la bocca per dire una parola.

Ma la reazione del Padre in questa storia è esattamente opposta e molto accogliente non solo, ma dà abbracci a un verme e ricorda di aver chiesto dove si trovasse la vita passata perché questo Padre era nuovo e suo figlio è cambiato internamente. In altre parole, se facciamo uno sforzo verso un passo verso Dio, Dio scenderà dieci gradini per accettare i Suoi figli / figlie a braccia aperte che ritornano con un pesante fardello di vita. È così che Dio sente di noi quando noi, attraverso il peccato, lasciamo la sua presenza e attraverso il pentimento ritorniamo a lui “.

E anche, in questo periodo, i media sono stati molto buoni perché per Spiritualmente, mentalmente per tutto ciò che è molto utile. E attraverso la videochiamata possiamo chattare e chiamare i miei vicini e cari. Molti di loro hanno iniziato a scrivere molti buoni articoli in grado di dare speranza agli altri e di disegnare le immagini, studiare canzoni come incoraggiare gli altri e comprendere la famiglia, i vicini ecc. E ci ricorda anche le tradizioni dei programmi passati che fanno video e invio attraverso i media. In questo modo molte cose sono iniziate durante il periodo di blocco.

RUOLO DELLA COMUNICAZIONE

Il ruolo della comunicazione ha acquisito notevole importanza oggi. La Chiesa cattolica ha la responsabilità di proclamare la parola di Dio ai suoi membri. Una comunicazione efficace è importante per la missione e l’evangelizzazione. L’evangelizzazione è possibile attraverso i social network (Facebook, Twitter, video Viva, Zoom, app Whats, Instagram, You Tube ecc.).

Può essere raggiunto dalle persone molto velocemente. Il ministero dell’evangelizzazione è stato dato nelle parole di Gesù ai suoi discepoli: deriva il suo mandato dalle parole di Gesù nel Vangelo “vai in tutto il mondo e proclama la creazione della Buona Novella a tutti” (Marco 16:15).

Evangelizzazione significa quindi comunicazione della Buona Novella, tre temi principali nella presentazione del Vangelo: uno, i sermoni seguono un segno di potere; due, l’uso della Scrittura quando appropriato; e tre, comunicazione attraverso l’interazione personale, faccia a faccia. Predichiamo sulla storicità di Gesù e sulla risurrezione, senza temere la natura divisiva del Vangelo, mostrando il potere di Dio prima dell’annuncio del Vangelo.

Attraverso i media possiamo estendere la nostra relazione umana. Qualsiasi informazione relativa alla relazione umana, all’istruzione, ai programmi di consapevolezza, alle nostre lotte ed esperienze quotidiane, alla parola di Dio e a molti dei nostri amici e popoli. Attraverso la comunicazione diventiamo più vicini a molti amici. I media e la tecnologia hanno aiutato l’intera umanità ad essere più attiva nelle comunicazioni. L’intero universo diventa villaggio globalizzato a causa delle comunicazioni.

[1] Tyler B.,Shalom tidings Christian spiritual magazine, Kerala, India 2016.

[2] https://www.gotquestions.org/God-is-merciful.html

[3] Joseph Ratzinger Pope Benedict XVI.,  Jesus of Nazareth, New York, 205.

[4] Maurice  M., The life of our Lord Jesus Christ, B.Herder book 33 Queen square, London 1953.

SITOGRAFIA

http://forum-phil.pusc.it/articoli/v02-a04

https://youtu.be/GFsY7mQKhWk

Categories: Esame Urbaniana 2020,Narrazioni,Notizie

Tags: ,,

Grandezza Font
Contrasto